ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rischia ergastolo l'aspirante kamikaze di Capitol Hill

Lettura in corso:

Rischia ergastolo l'aspirante kamikaze di Capitol Hill

Rischia ergastolo l'aspirante kamikaze di Capitol Hill
Dimensioni di testo Aa Aa

L’obiettivo era probabilmente il Campidoglio, nei pressi del quale era pronto ad aprire il fuoco e poi a farsi saltare in aria. Ma l’avventura di Amin Khalifi, marocchino di 29 anni e aspirante kamikaze, è finita in un parcheggio di Constitution Avenue, non lontano dalla sede del Congresso statunitense a Washington. Qui è stato arrestato dagli agenti dell’FBI, gli stessi che, fingendosi membri di Al Qaeda, gli avevano fornito pistola e giubbotto esplosivo, entrambi non funzionanti.

Richard Clark, ex addetto alla sicurezza nazionale, sostiene che, “anche se Al Qaeda è stata annientata in Pakistan e in Afghanistan, ci sono ancora individui isolati, in America, che sono pronti a diventare terroristi in modo autonomo, senza contatti con Al Qaeda”.

Incriminato, il giovane marocchino, che viveva clandestinamente negli Stati Uniti, rischia una condanna all’ergastolo. Per un anno è stato pedinato e intercettato, mentre parlava della sua intenzione di compiere un attentato. Gli inquirenti hanno assicurato che in nessun momento ha costituito un pericolo.