ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alla vigilia del voto, la situazione in Francia

Lettura in corso:

Alla vigilia del voto, la situazione in Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

Il clima da campagna elettorale in Francia si respira da tempo. Tutte le cifre degli ultimi mesi sono state lette in filigrana dai diversi parti:

Anche se la Francia ha avuto migliori risultati rispetto a altri Paesi europei, la crescita latita e Parigi resta sorvegliata speciale delle agenzia di rating.

L’esagono ha registrato un aumento del Pil pari allo 0,2% nel 4° trimestre del 2011, nel corso dell’anno la crescita è stata pari all’1,7%.
Il consumo delle famiglie però diminuisce, mentre il deficit commerciale ha raggiunto la cifra record di 70 miliardi.

Cresce anche la disoccupazione, oltre il 9%.
Circa 32 mila i posti tagliati nell’ultimo trimestre.

Le prospettive di crescita del 2012 sono tutt’altro che ottimistiche, la crescita, comunque, debole poggerà su tagli selvaggi dei posti di lavoro.
Un problema strutturale per quest’analista.

Eric Heyer, analista economico:

“Si può vivere ancora con un’economia di servizi, ma ci vuole un minimo d’industria, in Francia non si è lontani da questo minimo: ciò vuol dire che che bisogna fermare l’emorragia che fa perdere peso all’industria nell’economia francese”.

Dopo l’annuncio choc di Standard & poors a gennaio, che declassava la Francia togliendole la tripla A, adesso è Moodys a far tremare, per il momento, l’orgoglio transalpino a causa dell’aumento del debito pubblico francese.

Il Fondo monetario internazionale stima che, nel 2012, il deficit scenderà al 4,8% dal 5,5% (lontano comunque dal 3% voluto da Bruxelles) del Pil mentre il debito pubblico sarà pari al 90% del Pil.

François Chaulet, analista economico:
“Oggi un Paese è messo sotto sotto sorveglianza per circa due tre mesi prima che si proceda a modificare il suo rating, nel calendario francese c‘è un appuntamento importante che sono le presidenziali”.

Sembra chiaro che il futuro inquilino dell’Eliseo avrà una presidenza tutt’altro che semplice e mentre il futuro dei francesi si annuncia tutt’altro che sereno.