ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Eternit, il processo della svolta

Lettura in corso:

Eternit, il processo della svolta

Dimensioni di testo Aa Aa

Morti per amianto: i responsabili alla sbarra.

Era la rivendicazione dei manifestanti che gridavano la propria rabbia a Parigi nel lontano 2005.

In Francia le prime denunce risalgono al 1996, ma oltralpe non si è tenuto ancora alcun processo.

“È più facile attivare un piano d’emergenza in lande sperdute asssalite da cani rabbiosi piuttosto che aprire un processo di questo tipo”.

Per anni, tra il 1930 e il 1970 in modo particolare, si è fatto un largo uso dell’amianto, era considerato un materiale estremamente versatile e a basso costo.

La pericolosità dell’amianto dipende dal grado di libertà delle fibre e dalla capacità dei materiali di rilasciare fibre potenzialmente inalabili.

Si stima che dopo un’esposizione massiccia ci si ammali in un arco di tempo che varia dai 15 ai 50 anni.

Josette Roudaire, presidente del “Comité Amiante Prévenir et Réparer”, associazione “Henri Pézerat”:

“Tutti hanno mancato, i medici, gli organismi di controllo, nessuno ha visto niente fino a quando gli operai hanno urlato “.

Ma il processo di Torino a carico dei vertici della multinazionale Eternit ridà voce e speranze alle associazioni delle vittime, giunte nel capoluogo piemontese da diverse parti d’Europa.

Maître Jean-Paul Teissonnière, legale francese:
“Quello che ha fatto la giustizia italiana sull’amianto è esemplare. In Francia sono state fatte varie denunce nel 1996, dalle associazioni delle vittime e dalle singole vittime”.

Laurie Kazan-Allen, International Ban Asbestos Secretariat: “Non c‘è mai stato un processo come quello che si è tenuto in Italia. È un incredibile risultato, mi spiace dire che non ci sia stato niente di simile in Gran Bretagna, dove singoli individui si sono rivolti alla giustizia per avere un indennizzo.

MA nessuno è stato giudicato colpevole per le decisioni prese alla guida di aziende che trattavano l’amianto.

Un processo destinato a fare storia e a cambiare il corso della sicurezza sul lavoro non solo in Italia.