ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: un anno fa "saltava" Mubarak, oggi sciopero e protesta

Lettura in corso:

Egitto: un anno fa "saltava" Mubarak, oggi sciopero e protesta

Dimensioni di testo Aa Aa

L’anniversario della cacciata di Mubarak è oggi, ma piazza Tahrir si è riempita già il venerdì, e in serata c’erano decine di migliaia di persone a invocare, ancora, un cambiamento che stenta a completarsi.

20.000 secondo la polizia, più di 100.000 secondo gli organizzatori: molti, quasi tutti, giovani. Assenti i movimenti islamici, che hanno stravinto le elezioni.

“Oggi sono venuta qui perché non è cambiato niente, siamo usciti per la prima volta il 25 gennaio 2011 per chiedere libertà, dignità, uguaglianza… ma non è cambiato niente. E non è possibile che tutti quelli che sono qui siano delinquenti come dicono… anche i mezzi di informazione sono gli stessi di prima, non si adeguano al cambiamento”.

L’anniversario di oggi viene marcato anche da uno sciopero che difficilmente avrà successo: i leader religiosi hanno lanciato appelli perché si lavori, perché non si ostacoli ulteriormente la ripresa dell’economia nazionale. Il segnale più forte, comunque, è quello inviato dalla gioventù laica di questa piazza:

“Ci sono migliaia di manifestanti qui, di fronte al Ministero della Difesa. Protestano contro i militari, che controllano il governo. Vogliono che il Consiglio Militare si dimetta e lasci lavorare il governo dei civili”.