ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni in Russia: Putin propone tassazione oligarchi

Lettura in corso:

Elezioni in Russia: Putin propone tassazione oligarchi

Dimensioni di testo Aa Aa

A meno di un mese dalle elezioni presidenziali russe “il 72% dello spazio televisivo politico è occupato da Vladimir Putin”: lo denunciano i comunisti, il cui candidato Gennadij Zjuganov si è confrontato in un vivace dibattito mediatico con l’avversario del Partito Liberal-Democratico Vladimir Zhirinovsky.

Quest’ultimo ha accusato Putin di sfuggire al confronto con i suoi avversari, preferendo l’invio di persone di fiducia nelle tribune politiche:

“Sarebbe in difficoltà nel rispondere alle domande”, ha detto il leader ultranazionalista, “È rimasto al potere per 13 anni”.

Nel sondaggi, dopo il superfavorito Putin, è l’oligarca Mikhail Prokhorov, che la piazza considera un avversario “fantoccio” voluto dal Cremlino. Il magnate ha promesso che, in caso di vittoria, donerà 17 dei suoi 18 miliardi di dollari in beneficenza.

Mikhail Gorbaciov ha chiesto nuovamente a Putin di rinunciare ad un terzo mandato, usando toni concilianti: “Non penso sia necessario diffamarlo”, ha detto ad una platea di universitari a Mosca,“È riuscito a fare cose utili, ma ora ha esaurito le sue risorse”.

L’ultima cosa che Putin ha intenzione di fare è marcia indietro, mentre la sua campagna elettorale ha già bruciato 2,7 milioni di dollari.

È un candidato sicuro di sé, che ha potuto permettersi in queste ore, di proporre agli oligarchi una corposa donazione per sanare le privatizzazioni inique degli anni 90, quando le aziende di Stato vennero svendute a prezzi di favore in assenza di gare pubbliche e fecero la fortuna dell‘élite miliardaria.