ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il dibattito sulle "civiltà" infiamma il parlamento francese

Lettura in corso:

Il dibattito sulle "civiltà" infiamma il parlamento francese

Dimensioni di testo Aa Aa

La polemica sulle civiltà si trasforma in scontro aperto al parlamento francese. I deputati della maggioranza e il governo, premier Fillon in testa, hanno abbandonato l’emiciclo dopo l’attacco del deputato socialista Serge Letchimy al ministro degli interni Claude Gueant. Questi sabato aveva dichiarato che “non tutte le civiltà si equivalgono”. Parole da “nazisti” secondo Letchimy.

“Signor Gueant, lei privilegia l’ombra, ci riporta giorno dopo giorno a quelle ideologie europee che hanno portato ai campi di concentramento alla fine della lunga storia coloniale schiavista. Signor Gueant, il regime nazista, così attento alla purificazione, era una civiltà?”.

Gueant ha accusato Letchimy di aver strumentalizzato la memoria della Shoah, mentre il candidato socialista alle presidenziali François Hollande si è rifiutato di presentare le proprie scuse in diretta alla maggioranza di destra.

“Disapprovo questa polemica inutile. Sono divergenze che feriscono, discordie. Vi rendete conto? Un ministro degli Interni, che dovrebbe mettere ordine nel paese, con la missione di pacificare gli animi, attizza il fuoco della divisione e della discordia. Basta!”.

Polemiche che si caricano di significati in vista delle presidenziali di aprile. I socialisti accusano i conservatori di assumere posizioni dure sull’immigrazione per guadagnare voti nell’estrema destra, mentre Sarkozy è dato secondo dietro a Hollande.