ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Europa, è emergenza freddo. Nessun Paese risparmiato dall'ondata di gelo artico.

Lettura in corso:

Europa, è emergenza freddo. Nessun Paese risparmiato dall'ondata di gelo artico.

Dimensioni di testo Aa Aa

Migliaia di persone in cerca di un riparo e 131 vittime. L’Ucraina è il Paese a pagare il prezzo più alto dell’ondata di gelo che dal 27 Gennaio avvolge l’Europa.

Negli ospedali centinaia di persone sono da giorni in cerca di assistenza e di un riparo dal freddo. Tra le principali cause di decesso nel Paese lo stato d’ebrezza. Come racconta questo paziente: “ Stavo caricando delle scatole. Con i soldi del lavoro ho comprato dell’alcol e mi sono ubriacato. In quel momento ha iniziato a nevicare e le temperature sono scese moltissimo. Ho iniziato a congelare e sono stato portato qui dall’ambulanza”.

A Kiev le strutture di emergenza non bastano più. E montano le polemiche.

Il vicepresidente del Consiglio Municipale di Kiev, Olexiy Davydenko afferma:“Non danno bilanci ufficiali perchè poi si devono trovare i responsabili di tutto questo. E’ stata aperta un’inchiesta. Si devono trovare i responsabili di un così alto numero di morti”.

Non solo Ucraina. La temperatura media europea è da paesaggio polare. Dai meno 10 gradi in Francia e Italia si arriva fino ai meno 20 di Germania e Est Europeo. Molte le vittime in tutto il continente. Più di 360. La maggior parte nell’Est Europeo, ma anche in Francia e Italia.

Secondo il Direttore dell’Organizzazione metereologica mondiale, Omar Baddour:“Le ondate di freddo artico torneranno entro i valori usuali tra non prima di due tre settimane. La corrente fredda dovrebbe mitigarsi a partire dall’inizio della prossima settimana fino alla fine del mese”.

Nella Repubblica Ceca le temperature hanno raggiunto livelli da record arrivando a segnare meno 40 gradi centigradi al confine con la Germania. Più di 20 i morti nel Paese dall’inizio dell’ondata di freddo.

Con l’abbassamento delle temperature è emergenza energetica in tutta Europa. Da Bruxelles, l’agenzia che si occupa del consumo di elettricità europeo avverte la Francia di essere vicina al limite massimo.

Il Direttore generale del Coreso afferma:” La Francia è un caso particolare. Il riscaldamento è principalmente elettrico quindi il consumo di energia elettrica è fortemente legato alla temperature”.

Parigi cerca in queste ore di evitare il rischio black out. Ma alla periferia di Lione c‘è un palazzo, dove intere famiglie vivono da giorni senza elettricità, metre la colonnina di mercurio continua a segnare -12.

“ Questo freddo è insopportabile, soprattutto per i bambini. Si rannicchiano in un angolo del letto Cerchiamo di coprirli con due- tre piumini così non si muovono”. Queste le parole del padre di due dei molti bambini a vivere nell’edificio.


View The big freeze in a larger map