ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Contador: "Non mi ritiro. Accetto la sentenza, ma sono innocente"

Lettura in corso:

Contador: "Non mi ritiro. Accetto la sentenza, ma sono innocente"

Dimensioni di testo Aa Aa

“Continuero’ a correre” sono queste le parole di Alberto Contador, alla sua prima conferenza stampa, tenutasi a Pinto, dopo la sentenza di lunedi’ del TAS di Losanna, che gli ha inflitto due anni di squalifica per doping.

Una sentenza shock, arrivata 565 giorni dopo il ‘fattaccio’, quando durante il Tour de France 2010, lo spagnolo venne trovato positivo al clenbuterolo.

“Voglio dire che continuero’ a correre, a tempo pieno. In modo pulito, come ho sempre fatto. Anche se ora il mio umore è davvero nero, sono certo che tutto questo mi renderà piu’ forte in futuro” dichiara il ciclista iberico.

Accetta il verdetto del TAS Contador, anche se non lo condivide e continua a proclamarsi innocente. Non si è dopato e i valori di clenbuterolo trovati nel suo sangue sono dovuti a una bistecca contaminata.

Il 29enne corridore della Saxo Bank, a causa di questa sentenza a valenza retroattiva, si vede togliere le vittorie al Tour de France 2010 e al Giro d’Italia 2011.

Potrà montare di nuovo in bici dal prossimo 6 agosto e partecipare cosi’ alla Vuelta a Espana.

Per ricominciare da zero.