ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Palestina verso un governo di unità nazionale

Lettura in corso:

Palestina verso un governo di unità nazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Palestinesi verso la riconciliazione: sì di al Fatah e Hamas a un governo di unità nazionale guidato dal presidente Mahmud Abbas.

Un esecutivo provvisorio fatto di tecnici che avranno il compito di organizzare le prossime elezioni legislative e presidenziali.

A riprova delle buone intenzioni, la data già fissata per il prossimo incontro al Cairo il 18 febbraio e il rilascio di una sessantina di detenuti, finora oggetto di discordia tra le due principali fazioni palestinesi.

“Intendiamo seriamente guarire le ferite, voltare la pagina delle divisioni”, ha detto il capo dell’ufficio politico di Hamas, Khaled Mashaal, “promuovere concretamente il processo di riconciliazione e rafforzare la nostra unità nazionale”.

Mentre l’Europa apprezza, l’accordo siglato a Doha sotto l’egida dell’emiro del Qatar ha provocato l’immediata reazione di Israele che per bocca del premier Netanyahu ha già fatto sapere: “La pace e Hamas non vanno d’accordo. Se Abbas procederà lungo le intese maturate a Doha, vorrà dire che ha scelto di abbandonare la strada della pace per unirsi a Hamas che”, ha sottolineato il primo ministro israeliano, “resta un’organizzazione terroristica votata alla distruzione di Israele”.

“I palestinesi hanno risolto alcune delle loro controversie”, commenta dal Qatar Maha Barada di euronews, “Ma il diavolo potrebbe nascondersi nei dettagli. Se è vero che l’accordo è un passo importante, resta un ostacolo sulla strada per la stabilità nei territori palestinesi: lo stallo dei negoziati con Israele”.