ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran: botta e risposta sulle sanzioni occidentali

Lettura in corso:

Iran: botta e risposta sulle sanzioni occidentali

Dimensioni di testo Aa Aa

Contro le sanzioni dell’Occidente, risposte “incisive e rivoluzionarie”.

È il messaggio inviato al Parlamento di Teheran dagli studenti iraniani in corteo.

I manifestanti pensano a una risposta che prenda in contropiede Europa e Stati Uniti, che hanno scelto l’embargo per fermare il programma nucleare iraniano.

“La nostra richiesta”, spiega uno di loro, “è l’immediata sospensione delle esportazioni di petrolio verso l’Europa perché l’Occidente ha bisogno di sei mesi di tempo per trovare un’alternativa al nostro petrolio”.

Barack Obama già in piena campagna elettorale annuncia dal canto suo un inasprimento delle sanzioni: le banche statunitensi ora potranno congelare i beni del governo iraniano. “Ma nessuna opzione è esclusa”, ha detto, “per impedire a Teheran di dotarsi di armi nucleari”.

E smorza comunque i toni sul ventilato attacco israeliano in primavera: “Israele è legittimamente preoccupato”, ha dichiarato il presidente statunitense, “ma ritengo che non abbia ancora deciso cosa fare”.