ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Atene, il diffcile accordo sul rigore chiesto dalla Troika

Lettura in corso:

Atene, il diffcile accordo sul rigore chiesto dalla Troika

Dimensioni di testo Aa Aa

Negoziati serrati quanto difficili ad Atene in seno alla coalizione di governo sulle nuove misure da varare in cambio degli aiuti internazionali.

Nel week end il premier Lucas Papademos non è riuscito a convincere né la destra né i socialisti, che giudicano inaccettabili per il paese già in recessione l’ulteriore rigore imposto dalla Troika.

La decisione slitta quindi a martedi, mentre Parigi e Berlino mettono la pressione: “L’Europa è un luogo dove tutti hanno dei diritti ma anche dei doveri”, ha detto il presidente francese Nicolas Sarkozy, “E non si possono reclamare i propri diritti senza assumersi i propri doveri. Il tempo stringe, è una questione di giorni. Ora bisogna concludere, bisogna firmare e decidere”.

Il nuovo pacchetto di aiuti potrebbe raggiungere i 170 miliardi di euro.

“Come il presidente francese”, ha aggiunto il cancelliere tedesco Angela Merkel, “sostengo l’idea che i pagamenti degli interessi del debito siano versati in un conto separato, per essere sicuri che la Grecia abbia sempre questo denaro a disposizione”.

I sindacati, dal canto loro, non intendono sottoscrivere accordi che vanno a pesare su una popolazione a cui già è stato chiesto molto.

Domani l’ennesima giornata di sciopero generale per dire no alla nuova austerity.