ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina sprecona, infrastrutture obsolete fanno schizzare i consumi di gas

Lettura in corso:

Ucraina sprecona, infrastrutture obsolete fanno schizzare i consumi di gas

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Ucraina deve fare i conti non solo con le vittime del gelo, ma anche con costi dell’inverno sempre più alti in termini di gas. Secondo gli esperti a trasformare la spesa per il riscaldamento – in particolare quello domestico -, in un enorme fardello per le casse dello Stato sono soprattutto strutture e infrasttutture obsolete, che risalgono all’epoca sovietica e che non hanno mai subito le necessarie ristrutturazioni.

Qualcuno si avventura a prendere misure concrete, per cercare di dimostrare che gran parte dell’energia generata dal gas viene sprecata, e finisce per riscaldare solo l’atmosfera. “Se dimezziamo il consumo di gas naturale per il riscaldamento nel settore pubblico – dice l’esperto di energia Svyatoslav Pavlyuk della Fondazione Pauce -, l’Ucraina potrebbe cavarsela senza importazioni. Così ci resterebbero circa 5 miliardi di metri cubi, che potrebbero essere trasferiti ai bisogni dell’economia”.

In Ucraina, in maggioranza l’acqua viene riscaldata in centrali e arriva agli appartamenti percorrendo chilometri e chilometri, con enorme dispersione di calore e perdita di energia a causa di tubature spesso ridotte a colabrodo. Per risparmiare basterebbe poco: “Nonostante i crescenti prezzi dell’energia – spiega Grzegorz Gajda della International Finance Corporation -, il consumo energetico a livello residenziale non è cambiato. È esattamente lo stesso di 20 anni fa. Dunque c‘è ampio spazio per rismarmiare. Molto semplicemente, si potrebbero ottenere risparmi del cinquanta percento”.

Oltre ai problemi di gestione interna del gas, Kiev deve fare fronte anche ad altri grattacapi, soprattutto con la Russia, con il gas russo, e il gigante Gazprom, che ha accusato l’Ucraina di stare prelevando molto più gas di quanto concordato.