ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Massacri in Siria, la rabbia dei siriani all'estero

Lettura in corso:

Massacri in Siria, la rabbia dei siriani all'estero

Dimensioni di testo Aa Aa

Esplode la rabbia dei siriani all’estero dopo gli ultimi massacri in patria.

Nel mirino le ambasciate di Damasco, come quella di Londra. Ma anche le sedi diplomatiche al Cairo e nel Kuwait sono state teatro di disordini.

Una protesta contro il pugno di ferro di Bashar al Assad e l’Occidente che non ferma le violenze, degenerata malgrado i propositi dei manifestanti: “Non siamo qui per causare o infliggere violenza”, afferma una manifestante, “Vogliamo che la nostra voce sia ascoltata, ci sono così tante persone che ancora non conoscono la situazione in Siria e per me questo è scioccante”.

“Siamo venuti qui per far uscire i porci dall’ambasciata e i cani che stanno loro accanto”, minaccia invece un altro, “Non lasciaremo questo posto fino a quando non usciranno”.

Alcuni manifestanti hanno cercato di forzare il cordone di sicurezza intorno all’ambasciata e sono stati respinti dalla polizia londinese. Diversi gli arresti.

E violenze sarebbero esplose anche a Parigi dopo il no russo-cinese alla risoluzione Onu.