ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Maltempo: l'emergenza dei senzatetto ucraini

Lettura in corso:

Maltempo: l'emergenza dei senzatetto ucraini

Dimensioni di testo Aa Aa

Molte vittime del gelo, in Ucraina, sono dei senzatetto, alle prese con temperature che di notte scendono a oltre 30 gradi sotto zero.

Nelle quasi 3 mila tende allestite dalle autorità di Kiev trovano calore e pasti caldi tre volte al giorno. Poi tornano fuori, a guadagnarsi da vivere come possono: “Proviamo a rompere il ghiaccio con delle pinze ma è difficile e le braccia si intorpidiscono in fretta”, racconta una ucraina, “Stiamo lavorando ogni giorno ma bisogna prendersi cura delle proprie mani. Chi accetterebbe persone come noi all’ospedale? Beh, si potrebbe ma…è meglio rimanere in buona salute”.

Il problema è la notte, visto che le tende chiudono alle nove di sera. L’alternativa allora è il centro di accoglienza “Stephaniya”, aperto per l’emergenza. Offre alle persone senza fissa dimora un letto, cibo, cure mediche e anche qualche svago.

“Le ultime due notti ho dormito qui”, dice u nospite del centro, “la direzione è preoccupata per noi e ci consente di passare qui la notte”.

Un ricovero tanto provvidenzaile quanto temporaneo, spiega da Kiev Evgeniya Rudenko di euronews: “Questo centro di accoglienza ha dato rifugio ai senzatetto durante il gelo eccezionale. Ma tempo 10 giorni chiuderà e loro dovranno tornare alla solita vita di strada”.