ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mi piace. Facebook pronta per la quotazione. Ed è subito un successo

Lettura in corso:

Mi piace. Facebook pronta per la quotazione. Ed è subito un successo

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ il primo passo per la quotazione in borsa, ma non si può certo definirlo timido. Facebook, la creatura di Mark Zuckerberg, presenta alla Sec, la Consob statunitense, i documenti preliminari per la quotazione in borsa. L’Ipo, offerta pubblica iniziale, si aggira attorno ai 5 miliardi di dollari e potrebbe tradursi in una delle più grandi di sempre sul mercato americano, con una valutazione complessiva tra i 75 e i 100 miliardi.

Nato 8 anni fa, Facebook è il social network più frequentato con più di 800 milioni di iscritti, 3,3 miliardi di euro di giro d’affari l’anno scorso, di cui 3 miliardi di pubblicità. Dato che potrebbe più che raddoppiare entro il 2013; 650 milioni di euro il suo profitto l’anno scorso.

Un colpo iniziale così grosso potrebbe tuttavia, secondo alcuni esperti, serbare qualche sorpresa per chi sceglierà un investimento immediato.

“Questa offerta pubblica iniziale è una pura questione di valutazioni. Se si compra subito ad un prezzo molto alto, c‘è il rischio potenziale di un calo nei prossimi 6 mesi 1 anno” spiega Brian Hamilton, ad di Sageworks, azienda di consulenza finanziaria.

Dell’operazione resta solo da sapere se il titolo debutterà al New York Stock Exchange oppure al Nasdaq. Per ora ci sono i presupposti di un grande successo, con un solo rischio: perdere, diventando istituzionale, quella patina giovanile e un po’ border line che ha fatto il successo di Facebook.