ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: fratelli musulmani, si vuole soffocare la rivoluzione

Lettura in corso:

Egitto: fratelli musulmani, si vuole soffocare la rivoluzione

Dimensioni di testo Aa Aa

Il parlamento egiziano ha osservato un minuto di silenzio per le vittime degli scontri allo stadio di Port Said. Per una parte del mondo politico e della società tutto è stato orchestrato per fermare chi chiede il passaggio del potere ai civili.

I tifosi dell’Al Ahly hanno avuto un ruolo importante nella rivoluzione contro Mubarak, esattamente un anno fa difesero piazza Tahrir dalle cariche con i cammelli. Oggi l’hanno chiusa per una marcia in ricordo delle vittime di port said. I fratelli musulmani puntano il dito contro i nostalgici dell’ex regime.

“Non è stato uno scontro tra sportivi, ma si tratta di un caos pianificato”, dice Osama Yassin, del partito libertà e giustizia. “Questo scenario si basa sulla provocazione finalizzata a produrre violenza. Questo scenario mira a soffocare la rivoluzione degli egiziani e a bloccare il percorso verso il cambiamento democratico dell’Egitto”.

L’esecutivo ha accettato le dimissioni del governatore di Port Said e ha rimosso dagli incarichi il capo della sicurezza locale, il presidente e il consiglio della Federcalcio egiziana.