ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Litvinenko. dall'Italia il padre chiede perdono a Mosca. "Mio figlio, un traditore"

Lettura in corso:

Caso Litvinenko. dall'Italia il padre chiede perdono a Mosca. "Mio figlio, un traditore"

Dimensioni di testo Aa Aa

Torna d’attualità il caso Litvinenko, l’agente segreto russo morto nel 2006 a Londra dopo essere stato avvelenato da una massiccia dose di polonio, una sostanza radioattiva.

Le ultime novità arrivano da un piccolo comune italiano, Montemarciano, provincia di Ancona, dove Walter Litvinenko, padre della spia vive da anni.

Dopo essere fuggito in seguito alla morte del figlio, accusando il Cremlino di averlo ucciso, ora si dice certo che Alexandr fosse un traditore.

In una intervista alla televisione nazionale, Livtinenko senior domanda perdono al governo russo e chiede di poter tornare nel suo paese.

“Qui fa freddo, e nessuno ha bisogno di noi, Mia moglie ora è morta ma ha sempre sognato di tornare in Russia, e piangeva sempre. Nessuno si occupa di noi qui”.

Propaganda politica o il malessere di un uomo anziano che dice di vivere nella miseria?

Walter Litvinenko mostra di voler prendere le distanze dal figlio, che secondo le dichiarazioni della vedova, sarebbe stato in effetti al soldo dei servizi segreti britannici.