ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Raul Castro delude le speranze di riforme per Cuba

Lettura in corso:

Raul Castro delude le speranze di riforme per Cuba

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Congresso del partito comunista cubano, il primo dalla sua fondazione nel 1965, ha deluso quanti speravano nell’annuncio di vere rifome politiche ed economiche.

Il presidente Raul Castro ha escluso la possibilità di mettere fine al principio del partito unico, che considera un argine contro le ingerenze americane. “Difendiamo il monopartitismo – ha detto – di fronte alla demagogia e alla commercializzazione della politica”.

Unica concessione, per i mandati dei dirigenti del partito verranno approvati limiti temporali, al fine di introdurre un principio di democrazia e favorire il rinnovamento. “Introdurremo un limite massimo di due mandati consecutivi di cinque anni ciascuno per le cariche di governo”, ha detto Castro, precisando che la riforma sarà introdotta con gradualità.

Il Congresso aveva alimentato non poche speranze nella società cubana, dopo le riforme annunciate negli ultimi mesi: dalla possibilità di creare piccole imprese, a quella di acquistare e vendere appartamenti. I critici ritengono tuttavia che il presidente abbia perso un’opportunità per promuovere l’apertura di cui il paese ha bisogno.