ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Protesi al seno difettose: rilasciato su cauzione Jean-Claude Mas

Lettura in corso:

Protesi al seno difettose: rilasciato su cauzione Jean-Claude Mas

Dimensioni di testo Aa Aa

È stato rilasciato su cauzione e sottoposto a regime di sorveglianza Jean-Claude Mas, accusato di aver venduto in tutto il mondo silicone tossico per protesi mammarie.

Contro l’uomo, che ha pagato una cauzione di 100mila euro, cade l’accusa di omicidio per far posto a quella, meno grave, di lesioni colpose.

Mas ha ammesso di aver venduto silicone non omologato, ma ha dichiarato di averlo fatto in buona fede, consapevole che fosse di buona qualità anche se a basso costo.

“Le protesi hanno dei problemi. Non sto dicendo che non ci siano”, ha detto l’avvocato di Mas, Yves Haddad, “Ma per quanto riguarda la tossicità, non ci sono prove. Non ci sono indicazioni di pericoli o collegamenti con il cancro e… Meglio così!”.

I medici hanno evidenziato un maggior rischio di rottura delle protesi PIP vendute da Mas, impiantate su 400-500 mila donne in tutto il mondo, 3500 in Italia.

In Francia si sono verificati 1143 casi di rotture, 495 reazioni infiammatorie e 20 casi di cancro.

A 30mila donne è stato raccomandato di rimuoverle chirurgicamente.