ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crollo a Rio: ombre su sicurezza immobili nel Brasile dei Mondiali

Lettura in corso:

Crollo a Rio: ombre su sicurezza immobili nel Brasile dei Mondiali

Dimensioni di testo Aa Aa

Le drammatiche sequenze del crollo di tre edifici di rua 13 de Maio a Rio de Janeiro, con la gente in fuga dalla nuvola di polvere e detriti, sono state riprese da una telecamera di sicurezza di un palazzo adiacente.

Il bilancio ufficiale parla di almeno 4 morti e 22 dispersi.

Gli stabili, che ospitavano diversi uffici, sono crollati alle 20.30 di mercoledì: fortunatamente molte persone erano già uscite.

Inizialmente si era parlato di una fuga di gas. Poi si è fatta strada un’ipotesi più inquietante, confermata dal sindaco Eduardo Paes:

“Noi non facciamo speculazioni sulle cause dell’incidente, ma abbiamo escluso la possibilità che sia stata un’esplosione di gas”, ha dichiarato il primo cittadino, “Quello che probabilmente è successo è stato un cedimento strutturale nell’edificio più alto, che ha portato al collasso di tutte tre i palazzi”.

“L’edificio più alto” è il Liberdade, un grattacielo di 20 piani. Al terzo e al nono piano erano in corso lavori di ristrutturazione non autorizzati.

Il crollo, che è avvenuto in pieno centro a Rio de Janeiro, riaccende le polemiche sul vuoto legislativo in Brasile in materia di sicurezza degli immobili.

Una pesante ombra sul Paese che si prepara ad ospitare i Campionati del mondo di calcio nel 2014 e, due anni dopo, le Olimpiadi.