ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: Mosca respinge piano per dimissioni Bashar al Assad

Lettura in corso:

Siria: Mosca respinge piano per dimissioni Bashar al Assad

Dimensioni di testo Aa Aa

L’esercito siriano ha proseguito per il secondo giorno la sua offensiva su Hama. Secondo gli attivisti dell’opposizione, sono almeno 19 le vittime della repressione del regime di Bashar al Assad nelle ultime 24 ore, tra le quali anche un sacerdote ortodosso.

È stato ucciso da un colpo d’arma da fuoco, anche Abdulrazak Jbero, responsabile della Mezzaluna Rossa nella città di Idlib.

I Comitati locali di coordinamento dell’opposizione parlano di quattro morti in nella provincia di Damasco, due in quella di Homs e due in quella di Idlib.

Sul fronte diplomatico, la Russia continua ad opporsi ad ogni risoluzione dell’Onu che apra la strada ad un intervento esterno.

Il ministro degli Esteri Serghiei Lavrov ha detto di essere favorevole all’avvio di un dialogo tra il regime e l’opposizione, ma senza le dimissioni del presidente Bashar al Assad, proposte dalla Lega Araba. “Noi non sosterremo proposte varate unilateralmente, senza alcuna previa consultazione con la Russia, la Cina o altre Nazioni del Brics”, ha detto l’esponente del governo russo.

Hanno lasciato il Paese i 55 osservatori delle monarchie del Golfo, ma la Lega araba ha garantito che la missione potrà contare su più uomini nei prossimi giorni. In precedenza il governo siriano aveva dato il suo assenso al prolungamento delle attività di monitoraggio per il prossimo mese.