ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Falkland-Malvine: ancora scontro anglo-argentino

Lettura in corso:

Falkland-Malvine: ancora scontro anglo-argentino

Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora un polemico botta e risposta tra Argentina e Gran Bretagna sulla questione sempre aperta delle isole Falkland-Malvine, sotto controllo britannico dal 1833 e reclamate da Buenos Aires.

Il presidente Cristina Fernandez de Kirchner, reduce da un’operazione alla tiroide, rimanda al mittente le accuse lanciate dal premier David Cameron una settimana fa: “Ho sentito dire che hanno definito colonialisti noi argentini”, ha dichiarato il capo di stato argentino, “Le Nazioni Unite elencano 16 luoghi ancora colonizzati e di questi, dieci dal Regno Unito, tra cui il più emblematico riguarda le nostre isole Malvine”.

Ieri gli argentini sono scesi in piazza davanti all’ambasciata britannica al grido di “Fuori gli inglesi dalle Malvine”.

Dal canto loro gli abitanti vorrebbero restare con Londra e chiedono l’autodeterminazione.

Non estranei al riaccendersi della tensione tra i due paesi, trent’anni dopo la guerra, gli otto miliardi di barili di petrolio dell’arcipelago e le prime esplorazioni a firma britannica.