ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: dissidenti vogliono tornare in piazza il 4 febbraio

Lettura in corso:

Russia: dissidenti vogliono tornare in piazza il 4 febbraio

Dimensioni di testo Aa Aa

Si fa più in discesa la strada per la riconferma al primo turno di Vladimir Putin al Cremlino.

La Commissione elettorale ha anticipato che il fondatore del partito “della mela”, Iabloko, Grigori Iavlinski verrà escluso dalle presidenziali del 4 marzo. Il 26% delle firme raccolte per presentarsi alle elezioni non sarebbero valide.

A breve l’esclusione di Iavlinski verrà ufficializzata.

I movimenti anti-Putin la bollano come mossa politica: Iabloko ha molti osservatori e eliminarlo dalla competizione comporterà più frodi elettorali.

L’ONG russa Golos, che ha rivelato brogli nelle legislative di dicembre, ha denunciato una campagna tesa a bloccare la sua attività di sorveglianza alle presidenziali.

L’organizzazione è stata invitata a lasciare i locali della sede, a causa di lavori urgenti che toglieranno l’elettricità, guarda caso, dal 25 gennaio al 6 marzo.

Putin aveva attaccato a dicembre l’ONG, finanziata da fondi occidentali, per aver tentato di influenzare la campagna elettorale.

La “carta delle frodi”, preparata da Golos, aveva portato in piazza migliaia di dissidenti anti-regime, che ora annunciano un’altra grande manifestazione il 4 febbraio.

L’autorizzazione tuttavia non è ancora arrivata. Iavlinski ha già fatto sapere che si unirà alla protesta.