ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Megaupload: no alla libertà su cauzione per Kim Dotcom

Lettura in corso:

Megaupload: no alla libertà su cauzione per Kim Dotcom

Dimensioni di testo Aa Aa

Resta in carcere Kim Dotcom, alias Kim Schmitz, il fondatore di Megaupload che la giustizia statunitense accusa di pirateria informatica e riciclaggio.

Il giudice neozelandese ne teme la fuga e ha negato la libertà su cauzione, stabilendo che dovrà restare dietro le sbarre fino al 22 febbraio, data dell’udienza sull’estrazione chiesta dagli Stati Uniti.

“Non c’era nessun rischio che Kim Dotcom cercasse di lasciare la Nuova Zelanda, ha detto il suo avvocato Paul Davison, “Tutti i suoi beni sono stati congelati, tutte le sue risorse sequestrate”.

Arrestato insieme ad altre tre persone nell’ambito di una maxi operazione dell’Effebiai, Dotcom è diventato miliardario grazie a Megaupload. Solo nel 2010 il tedesco ha guadagnato 38 milioni di euro.

Il suo sito, ora chiuso, consentiva di scaricare gratis film e musica ai 150 milioni di utenti.

Secondo Washington, avrebbe causato danni per quasi 400 milioni di euro violando il copyright.