ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Finlandia vota il Presidente. I favori ai filo-europeisti

Lettura in corso:

La Finlandia vota il Presidente. I favori ai filo-europeisti

Dimensioni di testo Aa Aa

I rapporti di Helsinki con Bruxelles oggi al test del voto presidenziale. A pochi mesi dalla aspre critiche agli aiuti alla Grecia, la stessa Finlandia che aveva chiesto ad Atene il Partenone e l’Acropoli in garanzia, sembra tuttavia orientata verso una scelta dichiaratamente filo-europeista.
 
Favorito è il conservatore Sauli Niinistö, alla sua seconda candidatura dopo la sconfitta del 2006 contro la presidente in carica Tarja Haalonen. Convinto sostenitore della moneta unica, il 63enne ex ministro delle finanze della Coalizione Nazionale è però nelle ultime settimane scivolato dal 51 al 32% dei consensi.
 
Una spettacolare erosione di cui ha beneficiato il candidato verde Pekka Havisto. Anche lui filo-europeista, ha capitalizzato una campagna imperniata sull’equità sociale, attestandosi intorno al 13% negli ultimi sondaggi.
 
Sotto al 10% e virtualmente escluso dalla corsa Timo Soini, il candidato dei nazionalisti che ad aprile avevano sorpreso con il loro exploit alle legislative. I primi risultati sono attesi in serata. Il 5 febbraio l’eventuale ballottaggio.