ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Anonymous contro tutti. Attacchi a tappeto in nome del free-ware

Lettura in corso:

Anonymous contro tutti. Attacchi a tappeto in nome del free-ware

Dimensioni di testo Aa Aa

Anonymous risponde all’offensiva di Washington contro la pirateria sul web con il più imponente attacco in rete della sua storia.

Resi inaccessibili anche sui media italiani gli articoli sulla recente chiusura del sito Megaupload, il collettivo di hacker ha fatto sapere con un comunicato di aver attaccato oltre 5.000 obiettivi fra cui FBI, Casa Bianca, Dipartimento della giustizia e Ufficio del copyright statunitense e colossi della musica come Universal, Bmi e Warner.

L’iniziativa segue di poche ore l’arresto in Nuova Zelanda di Kim Dot Com: nome di battaglia del fondatore della piattaforma di hosting Megaupload, accusato con tre suoi collaboratori di violazione delle leggi sui diritti d’autore.

Su ordine delle autorità nordamericane che hanno emesso i mandati d’arresto, poche ore prima il sito era stato chiuso per le stesse motivazioni.

Appena alla vigilia, un’ondata di proteste in strada e sul web avevano dato risonanza mondiale alla levata di scudi contro due progetti di legge statunitensi, che autorizzerebbero proprio la chiusura dei siti di hosting.