ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Muhammed Ali: i 70 di una leggenda della boxe

Lettura in corso:

Muhammed Ali: i 70 di una leggenda della boxe

Dimensioni di testo Aa Aa

Muhammad Ali, al secolo Cassius Clay, compie settant’anni mentre affronta l’incontro pù duro, quello contro il Parkinson.

Un compleanno che ha festeggiato sabato con 300 amici e ammiratori a Louisville, sua città natale.

Un pugile ma anche un simbolo della lotta per i diritti dei neri, che aveva il suo eroe in Nelson Mandela.

In novembre l’addio al rivale di sempre, Joe Frazier, con cui disputò l’incontro del secolo, che lo mise al tappeto più volte e fu campione del mondo anche quando ad Ali vietarono il ring per il suo rifiuto di andare in Vietnam:

“Dissero a me e ad altri cosiddetti negri”, dichiarò all’epoca il pugile, “di andare a dieci mila miglia di distanza dall’America per tirare bombe e sparare contro altre persone di colore innocenti che non ci avevano mai fatto nulla. Gli ho risposto direttamente: No, non ci vado”.

“Sono il più grande”, ha sempre detto. E sono anche le sue scelte e l’impegno a far entrare nella leggenda il 3 volte campione del mondo. Buon compleanno, Ali.