ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Milano: la moda uomo che sogna al tempo della crisi


Cultura

Milano: la moda uomo che sogna al tempo della crisi

“Ci possono togliere i soldi ma non i sogni”: è questo il motto con cui Dolce e Gabbana hanno portato sulla passerella di Milano Moda Uomo la collezione autunno-inverno 2012-2013.

Davanti ad un futuro pieno d’ombre si recupera un glorioso passato. Sulle note di Luciano Pavarotti che interpreta le arie di Verdi, ha sfilato l’alta sartoria italiana, che si fa barocca con le preziose applicazioni di filigrana d’oro sulle giacche e persino sull’intimo.

Anche per Cavalli la moda è il regno dei sogni e non c‘è posto per il low profile dettato dalla crisi. Il suo uomo è rock.

Sulla passerella milanese trionfa il look aggressivo dei completi in fantasie animalier in bianco e nero, che sono il tratto distintivo dello stilista. E trovano spazio i colori, anche quelli più inusuali per il freddo inverno, come il giallo.

Fendi non sfila ma torna a presentare la sua collezione uomo a Milano, che mancava dal 2008.

La nuova linea gioca con i tessuti, sovrapposti e reinventati. “Abbiamo usato un nuovo tipo di tecnologia”, spiega Silvia Fendi, “che ci permette di fondere due tessuti insieme. E penso sia stata una buona idea quella di fare una presentazione durante la quale la gente può avvicinarsi e toccare gli abiti”.

“Esperienze materiche”, come sono state definite, alla scoperta della collezione uomo Fendi, dove il panno diventa visone rasato e la pelle si trasforma in lana.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Capodanno in famiglia a Vienna!

musica

Capodanno in famiglia a Vienna!