ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ban Ki-moon alza il tono contro la Siria

Lettura in corso:

Ban Ki-moon alza il tono contro la Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Consiglio di Sicurezza deve rispondere a una sola voce e agire per risolvere la crisi Siriana. E’ l’appello del segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon, che esorta i paesi membri, in particolare Cina e Russia, a mettere da parte le divergenze e aprire la strada alle sanzioni contro il regime siriano. Ban Ki-moon auspica inoltre che gli osservatori della lega Araba proseguano la loro missione.
  
“So che ci sono delle divergenze, tra gli stati membri del Consiglio di Sicurezza, ma il numero delle vittime ha raggiunto un livello talmente inaccettabile che non possiamo lasciare che la situazione rimanga tale. Questo è il mio urgente appello”.
 
Non sono solo politiche le pressioni sul regime. Due gruppi di opposizione politica e militare hanno annuciato che collaboreranno contro Assad e il suo esercito, mentre il Consiglio nazionale Siriano, che raggruppa le opposizioni, ha messo in piedi l’Esercito Libero Siriano:
 
“L’esercito libero è composto da soldati e ufficiali che hanno abbandonato l’esercito di Assad perché questo sta uccidendo i civili. L’esercito libero invece protegge i civili in varie aree e si è scontrato con le forze di sicurezza”.
 
La repressione della rivolta anti Assad ha fatto dallo scorso marzo 5.000 morti secondo l’Onu. L’esercito Libero siriano rivendica 40 mila combattenti e ha annunciato la creazione di un Consiglio Superiore militare per organizzare le defezioni.