ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Taiwan alle urne. Cina e Usa con gli occhi puntati

Lettura in corso:

Taiwan alle urne. Cina e Usa con gli occhi puntati

Dimensioni di testo Aa Aa

Diciotto milioni di taiwanesi alle urne per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica ed il rinnovo del parlamento.

Sulla consultazione sono puntati gli occhi della Cina e degli Stati Uniti. Infatti, una conferma del presidente uscente, Ma Ying-jeou terrebbe stabili i rapporti bilaterali con Pechino, che da sempre considera l’isola, da sessanta anni autogovernata, come parte integrante del suo territorio.

Al contrario, una vittoria dell’opposizione indipendentista, guidata dalla cinquantacinquenne Tsai Ing-Wen, riaprirebbe il contenzioso con la Cina, facendo mutare il delicato equilibrio politico regionale.

Taiwan infatti è legata agli Stati Uniti da un trattato che impone a Washington di intervenire in prima persona in caso di attacco militare.

Secondo gli ultimi sondaggi pubblicati dieci giorni fa, come prescrive la legge, il terzo candidato, James Soong, non ha alcuna chanche di essere eletto, ma potrebbe erodere lo scarso vantaggio attribuito al capo dello stato uscente.