ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ancora proteste e morti in Siria


Siria

Ancora proteste e morti in Siria

Decine di migliaia di siriani hanno ancora una volta sfidato la repressione, manifestando in diverse città del Paese durante il venerdì festivo. I cecchini del regime di Bashar al Assad hanno continuato a sparare, uccidendo almeno 10 civili inermi, tra cui una bambina di 6 anni e un ragazzo di 17.

La giornata era dedicata alla solidarietà nei confronti dei militari disertori.

Da Ryad, Arabia Saudita, dove si trova in visita, il premier britannico David Cameron ha proposto una nuova risoluzione dell’Onu sulla Siria.

“Il mio, il nostro punto di vista nel Regno Unito è che il presidente Assad ha perso il consenso del suo popolo. Questo non sorprende quando si assiste alla spaventosa brutalità raggiunta da elementi delle forze armate siriane contro civili e cittadini che protestano. Quello che sta accadendo è terribile”.

Non sono mancate le manifestazioni in favore di Assad, come a Damasco. Secondo il capo della Lega Araba, che mantiene osservatori in Siria, lo spettro della guerra civile si avvicina sempre di più.

Prossimo Articolo

mondo

Declassamento Francia, rivali all'attacco di Sarkozy