ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sciopero della fame contro la repressione in Siria

Lettura in corso:

Sciopero della fame contro la repressione in Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

Duecento attivisti siriani hanno proclamato lo sciopero della fame per protestare contro Damasco che impedisce loro di tornare in patria e portare aiuti umanitari alle vittime della repressione.

“La carovana della libertà”, organizzata dai siriani residenti all’estero, è ferma al confine turcocon cibo, medicine e coperte e chiede ad Ankara di intervenire: “Stiamo facendo questo sciopero della fame”, ha detto uno dei dimostranti, Nizar Albarajani, “perché il governo siriano impedisce agli aiuti umanitari di entrare nel paese. In questo modo vogliamo fare pressione sul governo turco perché a sua volta faccia pressione sulle autorità siriane e consenta il passaggio degli aiuti”.

Intenzionati ad andare fino in fondo, hanno piazzato le tende e si sono organizzati per un lungo sit-in.

Dopo un’ultima cena e la preghiera, la prima notte del raduno e il via allo sciopero in attesa dell’arrivo di altri partecipanti allertati via internet.