ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Youssou N'dour: "sono l'alternativa del Senegal"

Lettura in corso:

Youssou N'dour: "sono l'alternativa del Senegal"

Dimensioni di testo Aa Aa

Francois Chignac, euronews

Youssou N’dour buongiorno. Qualche tempo fa a Dakar ha annunciato la sua candidatura alle presidenziali senegalesi di febbraio. La prima domanda è semplice: come è possibile che a due mesi dal voto lei annunci di essere candidato quando fino ad ora aveva assicurato che non lo avrebbe mai fatto?

Youssou N’dour, musicista

Dall’inizio della mia carriera ho dialogato con i nostri dirigenti. Attraverso la mia musica ho parlato della situazione del paese. E credo che non mi abbiano mai ascoltato. Dopodiché, ho comunque un ruolo sulla scena politica del Senegal. Mi rendo conto che la democrazia è in pericolo. Con la mia storia, con tutto ciò che è successo intorno a me, penso di incarnare l’alternativa.

euronews

Ha valutato bene i rischi di questa candidatura ?

N’dour

Ascolti, non sono certo un avventuriero, il mio è un progetto a lungo termine.

Chiedete alle autorità competenti di organizzare queste elezioni secondo le regole di una democrazia chiara, in modo che possa vincere il migliore. Se è così, vincerò io. Non ho dubbi al riguardo. I senegalesi ci sono, sappiamo esattamente quello che pensano e che faranno per queste elezioni. Adesso la palla è nel campo degli organizzatori di queste elezioni. È Abdoulaye Wade che le organizza. E ciò che abbiamo visto finora non ci ha rassicurati. Vogliamo che anche la comunità internazionale vigili affinché queste elezioni si svolgano in una democrazia perfetta.

euronews

Che pensa della candidatura di Abdoulaye Wade, attuale presidente e suo principale rivale?

N’dour

Ma Abdoulaye Wade non ha il dirittto di presentarsi. La nostra costituzione gli vieta di fare un terzo mandato e persino di depositare la sua candidatura. Non considero Abdoulaye Wade come un candidato. Vuole forzare la situazione. Credo che ciò comporti rischi di destabilizzazione e disordini in Senegal ed è meglio prevenire che guarire. I senegalesi hanno fatto sapere più volte che non vogliono che Abdoulaye Wade forzi la costituzione.

euronews

Lei ha proiettato la musica tradizionale senegalese sulla scena internazionale. Conta di riportare il Senegal su quel palcoscenico politico internazionale da cui manca da tempo?

N’dour

L’annuncio stesso della mia candidatura ha attirato l’attenzione sul Senegal e questo è un bene perché vogliamo elezioni libere e democratiche. D’ora in poi, se vinco queste elezioni al primo turno, il Senegal sarà rilanciato. Io sarò ricevuto un po’ ovunque per parlare di cooperazione e del nuovo Senegal, per fare in modo che i nostri partner ci accompagnino nella nostra visione. Una visione che rappresento e che viene dai senegalesi, dai veri bisogni della popolazione.

euronews

Ultima domanda, diversi uomini politici africani compaiono ultimamente davanti alla Corte penale internazionale. L’Africa va verso una governance migliore?

N’Dour

La Corte penale internazionale che regola molti paesi svolge il proprio compito. Dispiace però che a livello di Unione africana e dell’Africa stessa non si abbiano tribunali che ci consentano di processare i nostri dirigenti e qualsiasi altro cittadino.