ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: divisa la missione di osservazione della Lega Araba

Lettura in corso:

Siria: divisa la missione di osservazione della Lega Araba

Dimensioni di testo Aa Aa

Si approfondiscono le divisioni in seno alla missione di osservazione della Lega araba il Siria. Le dimissioni dell’algerino Anwar Malek sono state seguite da altre.

A dirlo è lui stesso, sostenendo che altri tre osservatori condividono la sua delusione. Malek ha lasciato la missione, definendola una farsa e accusando il regime di Assad di renderla complice della repressione.

Di opinione diversa il ministro degli Esteri algerino, Mourad Medelci, secondo il quale le autorità siriane hanno preso misure in parte positive:

“Il governo ha fatto dei passi avanti.”, ha detto Medelci. “Forse non sono sufficienti, ma sono stati fatti dei passi come il ritiro delle armi pesanti dalle città, dove oggi ci sono dei problemi. C‘è stata la liberazione di qualche migliaio di detenuti. Ma ci sono ancora molti altri prigionieri che non sono stati rilasciati. E c‘è stata un’apertura dei media”.

La comunità internazionale ha chiesto chiarezza sulle circostanze della morte di Gilles Jacquier, il giornalista delle tv pubblica francese ucciso ieri a Homs. Faceva parte di un gruppo di reporter scortati dalle autorità in un quartiere filo-Assad, altamente militarizzato.

Jacquier, 43 anni, è il primo giornalista straniero vittima delle violenze in Siria, dove l’accesso dei media è fortemente limitato.