ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Atto barbaro ma ininfluente". I taleban sul video della discordia

Lettura in corso:

"Atto barbaro ma ininfluente". I taleban sul video della discordia

Dimensioni di testo Aa Aa

Rabbia, rassicurazioni e condanne. E’ un coro di voci stonate la reazione a caldo di taleban e popolazione afgana al controverso video sui presunti Marines che urinano su tre cadaveri insanguinati.

Nella roccaforte talebana di Kandahar, il risentimento sembra tuttavia cementare le etnie. Tra i pashtun c‘è chi parla di offesa all’Islam e invoca l’intervento di una Commissione per i diritti umani.

Appena diverse le sfumature dell’indignazione dei farsi. In alcuni di loro il video sembra soprattutto alimentare un sentimento antiamericano.

“I militari statunitensi che hanno urinato sui cadaveri di fedeli musulmani – dice un commerciante – hanno commesso un crimine. E dopo un crimine di questo genere, non li vogliamo più nella nostra terra. Vogliamo che gli stranieri lascino il nostro paese”.

Confusa, intanto, la posizione ufficiale dei taleban. Uno stesso portavoce ha prima parlato di “ennesimo atto barbarico” compiuto dall’arrivo degli americani e poi detto che non intaccherà un processo negoziale in fase ancora del tutto preliminare.