ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: ucciso giornalista francese, ispettore Lega araba lascia incarico

Lettura in corso:

Siria: ucciso giornalista francese, ispettore Lega araba lascia incarico

Dimensioni di testo Aa Aa

Gilles Jacquier è il primo giornalista occidentale ucciso dall’inizio delle proteste anti-regime in Siria.

Queste immagini mostrano i disperati tentativi di soccorso subito dopo l’attentato a Homs. Sembra che il giornalista stesse seguendo una improvvisata manifestazione a favore del regime di Bashar al Assad, quando all’improvviso l’esplosione di un laciagranate ha ucciso otto persone. Jacquier è morto sul colpo, ferito un reporter belga.

Mentre Homs viveva un’altra giornata di sangue, a Damasco Assad mostrava i muscoli alla comunità internazionale, radunando migliaia di persone in piazza. Il presidente siriano continua a parlare di cospirazione da fermare, ma non convince più nessuno. Anche il governo tedesco ha chiesto una risoluzione di condanna dell’Onu. Restano da superare i veti di Russia e Cina.

Un intervento delle Nazioni Unite potrebbe aiutare anche la missione della Lega araba, fino a questo momento inconcludente e criticata dall’opposizione al regime.

“Non hanno visitato tutti i luoghi, hanno monitorato solo le aree dove si sentivano più al sicuro – spiega un testimone a Homs – Non sono andati dove l’esercito continua a sparare e non hanno denunciato che l’esercito ci spara addosso”.

L’osservatore algerino Anwar Malek si è ritirato dall’incarico sostenendo che la missione della Lega araba offre al regime più tempo per uccidere ed ha

ha accusato le autorità siriane di aver deviato appositamente il loro convoglio per esporlo a un attacco armato.