ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Londra 2012: "I colpevoli del disastro di Bhopal non devono sponsorizzare i Giochi"

Lettura in corso:

Londra 2012: "I colpevoli del disastro di Bhopal non devono sponsorizzare i Giochi"

Dimensioni di testo Aa Aa

Mancano meno di 200 giorni alle attesissime Olimpiadi di Londra.

Ma attenzione, perchè non è tutto rose e fiori.

Un gruppo di manifestanti sta protestando contro uno degli sponsor dei Giochi, la Dow Chemical, multinazionale legata al disastro di Bhopal.

“B’eau Pal – Questa è l’acqua di Bhopal che è ancora contaminata” dichiara Barry Gardiner, deputato laburista e leader della campagna contro l’azienda statunitense direttamente coinvolta nell’esplosione che nel 1984 provocò la fuga di gas tossico nella città di Bhopal, in India. Morirono 25mila persone e 100mila furono contagiate.

Gli attivisti chiedono al LOCOG, il comitato organizzatore dei giochi, di eliminare lo sponsor incriminato.

“Non sarà un successo, finchè la Dow Chemical resterà uno degli sponsor dell’Olympic Stadium. Hanno la responsabilità di dover ripulire il sito a Bhopal, che è stata teatro della peggior tragedia chimica della storia”.

Al momento si è ottenuta la rimozione del marchio dal telone decorativo durante i Giochi. Ma il logo della compagnia continuerà a comparire su dei pannelli prova, prima dell’evento.

“Pensare che il nome di questa compagnia che ci ha avvelenato sarà su dei teloni attorno allo stadio, e questo le farà pubblicità… Hanno ucciso e continuano a uccidere delle persone. E pensiamo anche ai bambini che non sono ancora nati!” dichiara una delle sopravvissute alla tragedia.

Intanto gli atleti indiani che parteciperanno alle Olimpiadi, stanno addirittura pensando, qualora la Dow Chemical restasse sponsor, di boicottare i Giochi.