ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In corso le primarie repubblicane in New Hampshire, lo stato delle sorprese

Lettura in corso:

In corso le primarie repubblicane in New Hampshire, lo stato delle sorprese

Dimensioni di testo Aa Aa

Tocca al New Hampshire votare per le primarie repubblicane. Dopo l’Iowa nello stato del nord-est degli Stati Uniti, oltre 250 mila elettori sono chiamati a scegliere lo sfidante di Barack Obama.

I giochi non sono già chiusi, sostengono i votanti di Dixville Notch, cittadina alla frontiera con il Canada:

“Forse sono due i candidati davvero in lizza – dice un votante – Romney e forse chissà Huntsman. Credo che tutti si aspettino che qui vinca Romney e che Huntsman raccolga solo qualche voto. Io lo voto, magari qualcun altro è d’accordo con me”.

“Credo che ci sarà un voto molto frammentato – sostiene una elettrice – Nella misura in cui è avvenuto durante i caucus, probabilmente nel resto dello stato si voterà seguendo questa impronta, quindi l’esito è ancora aperto. Non credo sia ancora emerso un cammino preciso per il partito Repubblicano”.

“Come indipendente – dice un ragazzo – ho la possibilità di votare alle primarie repubblicane senza esprimermi sulle elezioni d’autunno. Negli ultimi tempi ho avuto l’impressione che il programma economico dei candidati repubblicani non sia realistico, nel senso che non sarebbe in grado di portarci fuori da questa situazione”.

Stando ai sondaggi il favorito resta Mitt Romney, dato al 33% delle preferenze. Ma il New Hampshire è storicamente lo stato delle sorprese, dove molti candidati hanno creato e distrutto la propria fortuna in una notte.