ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuova Zelanda lotta per recuperare container sulla Rena

Lettura in corso:

Nuova Zelanda lotta per recuperare container sulla Rena

Dimensioni di testo Aa Aa

La minaccia di una fuoriuscita di combustibile torna a preoccupare la Nuova Zelanda, dopo che la portacontainer arenata da tre mesi al largo delle sue coste orientali si è spezzata in due tronconi.

Centinaia di container sono finiti in mare durante la tempesta. La guardia costiera sta tentando di recuperare quelli rimasti a bordo. “Un compito che si presenta ora estremamente difficile – ha precisato il ministro neozelandese all’ambiente – a causa dell’ampiezza del danno riportato dalla nave”.

La portacontainer Rena si è incagliata lo scorso 5 ottobre sulla barriera corallina a dodici miglia da Tauranga, una zona nota per la bellezza delle sue spiagge e la ricchezza della fauna marina. Trecentocinquanta tonnellate di carburante si erano riversate in mare, provocando una marea nera che aveva ucciso migliaia di uccelli marini e inquinato chilometri di costa. Un disastro ambientale tra i più gravi che la Nuova Zelanda abbia conosciuto.

I soccorritori hanno già portato via la maggior parte del combustibile a bordo e la parte restante non dovrebbe essere tale da creare un danno simile a quello dei mesi scorsi. Il comandante e il secondo ufficiale della Rena sono stati incriminati e rischiano fino a due anni di carcere.