ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria: rischio default

Lettura in corso:

Ungheria: rischio default

Dimensioni di testo Aa Aa

Lo spettro greco aleggia sul Danubio.

Fitch ha tagliato il rating dell’Ungheria abbassandolo da BB+ a BBB-, praticamente quello che in gergo si chiama spazzatura.

“Il declassamento – ha spiegato l’agenzia di rating – riflette l’ulteriore peggioramento dei conti pubblici, delle prospettive di crescita e le difficoltà a reperire finanziamenti sul mercato”

La situazione economica sta precipitando rapidamente e il governo è con le spalle al muro.

Il ministro Tamas Fellegi è tornato a chiedere l’aiuto del Fondo Monetario e dell’Unione Europea assicurando che il governo è pronto a discutere di tutto senza precondizioni.

Con il fiorino che ha toccato quota 316 per un euro e un’asta di titoli di stato chiusasi con un tasso medio di quasi il 10% il governo ungherese sta facendo retromarcia sulle misure illiberali che avevano mandato su tutte le furie Bruxelles.

L’autonomia della Banca centrale sarà garantita ha assicurato il premier di destra Orban che nel giro di pochi giorni si è visto costretto a rimangiarsi i proclami ultranazionalisti e antieuropei. E che ora chiede 15-20 miliardi di dollari per evitare che il paese finisca in default.