ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: cambia il ruolo dell'esercito

Lettura in corso:

Turchia: cambia il ruolo dell'esercito

Dimensioni di testo Aa Aa

In Turchia l’esercito ha sempre avuto il ruolo di custode della laicità. Per ben tre volte i militari hanno portato a termine colpi di Stato per, a loro dire, ristabilire i principi del padre della patria Ataturk. Per l’opposizione e per gli islamisti sarebbero stati invece atti di repressione.

Ai microfoni di euronews Atilla Sandıklı, analista del Bilgesam Strategic Research Center, dà la propria visione su quanto sta accadendo in Turchia: “I cambiamenti nel nostro sistema legale, che hanno

preso il via con il processo di adesione della Turchia

all’Unione europea alla fine degli anni Novanta e nei primi anni del Duemila, sono molto importanti per il processo di democratizzazione della Turchia, perché la nostra democrazia si radichi. Oggi assistiamo al rifiuto del cambiamento da parte della

vecchia guardia. Le istituzioni dello Stato e la burocrazia rifiutano una nuova visione della democrazia. Questi arresti sono il riflesso di questo processo. Tutti devono capire che la posizione dell’esercito non sarà mai più la stessa come nell’epoca dei colpi di Stato”.