ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli osservatori in Siria non fermano la violenza

Lettura in corso:

Gli osservatori in Siria non fermano la violenza

Dimensioni di testo Aa Aa

Incoraggiati dalla presenza di decine di osservatori della Lega araba, i siriani sono tornati a manifestare in massa per mostrare l’ampiezza della protesta in corso da mesi contro il presidente Bashar al-Assad.

L’opposizione denuncia l’impossibilità di mettersi in contatto con i delegati, venuti per “osservare e riportare la pace”, hanno detto alla folla, “non per deporre il presidente”.

La loro presenza non ha fermato la repressione, nonostante la tregua annunciata dagli attivisti.

E così anche quest’ultimo venerdì di preghiera si è trasformato prima in un fiume di proteste e poi in sanguinosi combattimenti.

Cinque gli agenti uccisi e almeno 26 i civili che hanno perso la vita negli scontri tra militari fedeli a Damasco e oppositori. Decine i feriti.