ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: curdi in piazza per la strage nel sud est

Lettura in corso:

Turchia: curdi in piazza per la strage nel sud est

Dimensioni di testo Aa Aa

Non bastano le scuse ufficiali a placare la rabbia dei curdi, esplosa a Istanbul dopo il raid militare che ha ucciso 35 persone nel sud est.

Gridano al massacro di civili inermi gli organizzatori della mobilitazione che ha portato in piazza circa 2 mila persone e che è degenerata in violenza.

Devastazioni e lanci di pietre contro la polizia, che ha risposto con idranti e lacrimogeni. Nei tafferugli, diversi i manifestanti arrestati.

Al partito di governo il compito di esprimere il cordoglio e il rammarico di Ankara:

“La Turchia è uno stato di diritto”, ha dichiarato Huseyin Celik, vice presidente dell’Akp , “Se c‘è stato errore o fallimento, è certo che chiunque sia il responsabile ne dovrà rendere conto. Le indagini faranno di tutto per chiarire la situazione”.

Secondo le autorità locali, le vittime, tutte giovani, sarebbero contrabbandieri di sigarette, scambiati dall’esercito per ribelli del Pkk, il partito di lavoratori del Kurdistan che proprio in questa zona al confine con Iraq ha uno dei suoi bastioni organizzativi.