ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuove tasse e tagli alla spesa, in Spagna deficit all'8% del pil

Lettura in corso:

Nuove tasse e tagli alla spesa, in Spagna deficit all'8% del pil

Dimensioni di testo Aa Aa

La Spagna ha annunciato misure straordinarie e non previste per nove miliardi di euro. Il nuovo piano di austerità colpirà soprattutto la spesa pubblica di cui il premier Mariano Rajoy aveva già annunciato un taglio pari a 16 miliardi e mezzo di euro per il 2012.

Gli stipendi degli statali rimarranno congelati, non ci sarà turnover ed è prevista una riduzione del 20% delle strutture amministrative. Le ragioni sono state spiegate dal portavoce del governo Soraya Saenz de Santamaria:

“Abbiamo trovato un dato del deficit pubblico del 2011 molto più alto di quello annuciato e stimato dal precedente governo”.

La Spgana deve fare i conti anche con l’elevato tasso di disoccupazione che ha superato il 21% e che ha contribuito a portare l’economia del Paese in contrazione nell’ultimo trimestre, in base ai dati diffusi dalla Banca centrale di Madrid.

Julio Lacuerda, Segretario generale dell’Ugt (principale sindacato spagnolo):

“Se questa iniziativa continuerà, ci troveremo di fronte a una significativa perdita di posti di lavoro, il che è anch’esso molto costioso”.

Se il deficit nei prossimi mesi non si abbasserà potrebbe esserci un’altra manovra da dieci miliardi di euro.