ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kosovo: Tadic dice no al referendum ipotizzato dai serbi kosovari

Lettura in corso:

Kosovo: Tadic dice no al referendum ipotizzato dai serbi kosovari

Dimensioni di testo Aa Aa

Un no deciso all’ipotesi di un referendum. Il presidente della Serbia Boris Tadic ha respinto la proposta della minoranza serba in Kosovo di organizzare una consultazione elettorale per decidere se accettare o meno l’autorità del governo di Pristina, a maggioranza albanese. Secondo Tadic l’ipotesi di chiamare i cittadini alle urne sarebbe inconstituzionale.

“Un referendum – ha dichiarato Tadic in conferenza stampa – potrebbe causare una reazione internazionale e non contribuirebbe in modo essenziale alla causa, perché il mondo sa che i Serbi, specialmente nel nord, non accettano le istituzioni di Pristina per cui questo referendum non è affatto necessario”.

Il voto dovrebbe svolgersi il 14 e il 15 febbraio. Belgrado e la maggioranza serba in Kosovo non riconoscono l’indipendenza di Pristina, proclamata unilateralmente nel 2008.

“Sarebbe solo – spiega un uomo – per informare la comunità internazionale e gli albanesi che i Serbi sono contrari all’indipendenza. È questo l’obiettivo”.

“Non sono a favore del referendum – spiega invece una giovane donna – perché senza il nostro Stato, la Serbia, non siamo nulla”.

Da mesi si registrano scontri tra albanesi e serbi kosovari per il controllo del territorio. E gli incidenti hanno fatto slittare la decisione sullo status di candidato della Serbia a membro dell’Ue.