ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria, senzatetto rischiano di finire in carcere

Lettura in corso:

Ungheria, senzatetto rischiano di finire in carcere

Dimensioni di testo Aa Aa

I senzatetto ungheresi rischiano di cominciare il 2012 in prigione. Una legge approvata il primo dicembre punisce con un’ammenda pari a 500 euro, o con il carcere, chi venga sorpreso almeno due volte in sei mesi a dormire in luoghi pubblici.

Julianna Szvet ha trovato casa in una grotta, ma non per questo si sente al sicuro: “Incarcerare qualcuno solo perché dorme è incredibile. Dove dovrebbero andare tutti questi poveri che non hanno una casa? Come si può dare una multa per dormire in strada? E come potranno pagarla?”.

Il provvedimento è stato voluto dal partito conservatore Fidesz e sostenuto dal presidente dell’ottava circoscrizione di Budapest, Mate Kocsis: “Finora – afferma – nessuno è stato messo in carcere e nessuno è stato multato, tutto questo allarmismo non è che un modo per distorcere la realtà. Sono cose che chi ci attacca ama ripetere, ma non sono vere. L’obiettivo di questo provvedimento è la prevenzione”.

Tra i senzatetto che bazzicano la stazione della metropolitana, però, alcuni dicono di essere stati minacciati dalla polizia: “Mi hanno detto che dovevo alzarmi, altrimenti mi avrebbero fatto una multa da 160 euro. Stavo solamente fumando una sigaretta”.

A Budapest vivono oltre settemila senzatetto e i centri di accoglienza non hanno posti sufficenti per accoglierli. Secondo gli attivisti per i diritti umani, la legge avrebbe il solo scopo di mascherare le sacche di povertà ancora largamente presenti in Ungheria.