ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Palloncini contro la censura. Seul sfida Pyongyang

Lettura in corso:

Palloncini contro la censura. Seul sfida Pyongyang

Dimensioni di testo Aa Aa

La Corea del Sud affida al cielo la sua speranza di disgelo e normalizzazione. Ambasciatori degli appelli a insurrezione e democrazia, una batteria di enormi palloni gonfiabili destinati ai “cugini” del Nord, da cui storia e politica li separano da prima ancora della guerra del ’53.

“I nord-coreani vivono nella schiavitù da 66 anni – dice un manifestante – . Sotto Kim Il-sung prima e Kim Jong-il poi. Come possono continuare anche sotto Kim Jong-un, che è appena un bamboccio, un pupazzo del potere? Non possiamo accettare che si lascino ancora sottomettere”.

Decine le persone che, secondo un rituale ben rodato, hanno partecipato all’azione non lontano dalla frontiera. Volantini critici di Pyongyang e appelli a cogliere la transizione per alzare la testa, i messaggi che sperano il vento recapiti in barba alla censura terrestre.