ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Dolore di Stato" in Corea del Nord. Sfilano i nuovi leader

Lettura in corso:

"Dolore di Stato" in Corea del Nord. Sfilano i nuovi leader

Dimensioni di testo Aa Aa

La Corea del Nord si inchina a Kim Jong-il. In un supremo sfoggio di deferenza al dittatore scomparso, il regime di Pyongyang cavalca i funerali del Caro Leader, per mettere in scena il “dolore di Stato”.

Dalle lacrime che hanno la meglio persino sui militari all’ordine delle comparse che scortano il feretro sotto l’occhio attento della sola tv nord-coreana, nulla sembra lasciato al caso.

Rodati negli scorsi giorni, pianti e scene di isteria collettiva raggiungono il parossismo.

Studiato fin nei minimi dettagli, il protocollo del corteo funebre sembra poi mettere in scena il cordone sanitario che blinderà Kim Jong-un per proteggerlo dalla sua inesperienza.

Alla folla piangente e il mondo che si interroga sulla nuova Corea del Nord, Pyongyang risponde presentando di fatto in pubblico l’elite di domani: non solo il figlio strappato all’anonimato dal destino della successione, ma anche lo zio Jang Sang-Thaek, il Capo di Stato Maggiore e due alti responsabili del Partito.

Una scenografia che già da sola pare rispondere a molte domande.