ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina: il coraggio di avere due figli

Lettura in corso:

Cina: il coraggio di avere due figli

Dimensioni di testo Aa Aa

Un solo figlio. In Cina non è consentito mettere al mondo più di un bambino.

Il motivo è semplice: meno bocche da sfamare, più ricchezza da distribuire.

Giocare in giardino con i suoi due figli rappresenta un momento di gioia per Wu Weiping, una donna cinese che ha dovuto affrontare grandi difficoltà prima di avere due bambini.

35 anni, ex insegnante in un liceo nella provincia orientale dello Zhejiang, rimase incinta del secondo figlio nel 2008, ma si rifiutò di abortire.

“Quello che mi interessava di più a quel tempo” spiega la donna “era poter mettere al mondo mio figlio in modo sicuro. Ho visto troppi casi di donne costrette ad abortire perché cercavano di avere due bambini.

Ero terrorizzata all’idea che avrei potuto essere la prossima vittima del sistema”.

Ma Wu non si è arresa e ha portato a termine la gravidanza.

Le è stato imposto di pagare una multa pari a oltre 14.000 euro, cosa che si è rifiutata di fare.

Oggi può cresecere i due figli senza paura, ma si trova costretta ad affrontare diversi problemi economici.

“Volevo il secondo figlio” spiega un abitante di Pechino “ma sono stato in preda a depressione e rabbia per diversi anni.

Ho affrontato troppe lotte e torture psicologiche solo perchè ho avuto due bambini. E’una cosa che non ha assolutamente senso”

L’uomo aveva già una figlia di 13 anni e il secondo bimbo gli è costato il posto di lavoro come insegnante e una multa pari a quasi 29.000 euro, che si è rifiutato di pagare. Un rifiuto che gli ha impedito di iscrivere all’anagrafe il piccolo, che non avrà quindi diritto all’istruzione pubblica una volta in età scolare.