ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cuba: amnistia per 2.900, in attesa del Papa

Lettura in corso:

Cuba: amnistia per 2.900, in attesa del Papa

Dimensioni di testo Aa Aa

Per il Papa, Cuba libera 2.900 detenuti. Ma la riforma migratoria, che si sperava venisse annunciata in queste ore, viene rinviata.

È stato lo stesso Presidente cubano, Raul Castro, ad annunciare in occasione della sessione di lavoro del Parlamento i provvedimenti: ha richiamato la visita del Papa, prevista in marzo, ha ricordato la storica visita di Giovanni Paolo II nel ’98, e ha quindi annunciato la prossima liberazione di 2.900 prigionieri, dei quali 86 stranieri. Un’amnistia che fa seguito alla liberazione, in varie tappe negli ultimi mesi, di decine di detenuti politici, sempre in seguito agli sforzi diplomatici del Vaticano.

Tra i liberati non ci sarà lo statunitense Alan Gross, la cui detenzione impedisce un riavvicinamento tra l’Avana e Washington. Gross fu arrestato due anni fa mentre consegnava all’opposizione cubana materiale per le comunicazioni satellitari.

Resta l’attesa per la riforma migratoria: migliaia di cittadini cubani speravano che venissero annunciate norme meno restrittive in materia di viaggi e soggiorni all’estero, ma su questo Castro è stato vago e si è limitato a dire che quella riforma arriverà “senza fretta”, quando sarà pronta.